Visitare l’ Abruzzo

Natura e turismo in Abruzzo si intrecciano, dove l’antichità delle tradizioni procede di pari passo con la varietà paesaggistica.

Da un lato, a Oriente, dolci colline che degradano verso l’Adriatico; dal lato opposto, una regione oblunga delimitata da altopiani e vette imponenti: dal Gran Sasso ai picchi dei Monti della Laga, al monte Velino e al Calvo.

Il capoluogo L’Aquila è una città dalla storia molto antica, di impronta tipicamente medievale, di cui conserva le caratteristiche ancora oggi, dopo il sisma del 2006. Nella parte centrale del secolo scorso è stata tra le località dell’Italia centrale più attive in ambito industriale ed artigianale.

Dedita soprattutto alla pesca è invece la città di Pescara, secondo centro della regione, nonchè località giovane ed interessante da visitare. Il suo porto è tra i più importanti della costa adriatica e svolge un ruolo  fondamentale nei collegamenti tra l’Italia e la Penisola dei Balcani.

Gli appassionati di letteratura che visitano Pescara non possono mancare una visita al Museo “D’Annunzio”, edificato nella casa natale dello scrittore italiano, così come gli amanti dell’arte daranno un’occhiata al Museo Civico “Basilio Cascella” e al Museo d’arte moderna “Vittoria Colonna”.

Gli amanti della natura troveranno sicuramente pane per i loro denti: sono numerosi e tutti da vivere i parchi naturali estesi entro i territori della regione abruzzese.

A cominciare da quello più maestoso, ovvero il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, che giunge fino in territorio marchigiano ed è contraddistinto da una indescrivibile varietà floristica e faunistica, e dove è possibile intraprendere itinerari interessanti tutto l’anno.

L’unico parco regionale della regione è quello di Sirente-Velino, nato nel 1989 con lo scopo di preservare i valori ambientali e tramandare nel tempo i segni più evidenti della ricchezze naturali, architettoniche e culturali ereditate dal passato.