Bernalda

Bernalda

Bernalda è un comune di circa 13.000 abitanti in provincia di Matera, tra la Val Basento e il mar Ionio, a circa 40 Km da Matera.

E’ una località turistica famosa per il mare, per la zona di Metaponto e per la vicinanza di diversi siti archeologici come l’area della Metaponto Greca e delle Tavole Palatine, testimonianze degli insediamenti più importanti della Magna Grecia.

I primi insediamenti in quest’area sono legati agli spostamenti degli abitanti di Metaponto che, dopo i saccheggi e le distruzioni dell’invasione romana del III Secolo, fondarono un piccolo centro sulla collina. Le prime testimonianze storiche sulla fondazione di Bernalda risalgono poi al 1497, fù infatti Bernardino de Bernaudo, segretario di Re Alfonso II d’Aragona, ad unificare diversi villaggi intorno al Castello e a dare al nuovo centro il nome di Bernalda.

Le popolazioni contadine dell’area si insediarono quindi intorno al Castello di Bernalda, fortezza che domina la Val Basento e che è stata anche dimora di Carlo III di Borbone. Oltre al Castello, i monumenti storici più importanti della città sono la Chiesa Madre, edificata nel 1530 sempre per volere di Bernardino de Bernaudo, la Chiesa del Convento di Sant’Antonio da Padova, del 1616 e la Chiesa della Madonna del Carmine, del 1678.

Cosa visitare a Bernalda

Il turista che visita Bernalda ne apprezza oltre alle bellezze storiche, il litorale Ionico. Il turismo balneare è concentrato sulla costa di Metaponto, qui sorgono diversi stabilimenti balneari e diverse strutture ricettive. Tra le maggiori attrazioni turistiche c’è il sito archeologico delle Tavole Palatine.

Un itinerario alla scoperta della Magna Grecia passa da Bernalda per visitare il Tempio di Hera, i Templi di Apollo, Afrodite e di Demetra e per spostarsi poi verso il sito archeologico di Heraclea nella vicina Policoro.

Tra le curiosità legate a Bernalda, le origini del noto regista Francis Ford Coppola, che in centro, poco distante dalla casa da dove partirono i suoi nonni, ha acquistato l’antico Palazzo Margherita, restaurato per diventare un albergo 5 stelle, il quarto di una catena che il regista possiede in città.