Musei a Genova

Musei a Genova

La città di Genova racchiude, nei suoi edifici, un gran numero di musei dedicati all’arte, alla natura, all’esplorazione… scopriamo insieme quali sono i musei più belli di Genova.

Repubblica marinara, Dominante dei Mari, Superba, ma anche, più semplicemente, città italiana dalla storia antichissima e località entro i cui confini si sono susseguiti, nel corso dei secoli, tanti popoli. Genova è tutto questo e tanto altro ancora.

Quando si parla del capoluogo ligure si fa riferimento ad uno dei centri turistici estivi più frequentati in assoluto.

Tuttavia, Genova vuol dire anche arte e cultura: a parlare non sono soltanto i tanti edifici che sorgono nel centro storico, da Piazza De Ferrari ai Palazzi dei Rolli, ma anche numerosi musei che ricevono ogni anno milioni di visite.

Per avere una panoramica sulla storia della città di Genova, ammirando quadri di pregevole fattura, ci si può spostare tra le stanze di Palazzo del Principe, Palazzo Bianco e Palazzo Reale, e rimanere incantati dallo spettacolo offerto dalle rispettive gallerie.

Da qui si può raggiungere la zona del Porto Antico ed abbracciare il meglio della tradizione marinara genovese, visitando i locali del Museo del Mare, il più grande d’Europa unicamente dedicato alle comunicazioni marittime. Rimanendo sul mare, si può fare un salto al Museo dell’Antartide, oppure ai Magazzini del Cotone, testimoni fedeli del passato del commercio ligure e della sua storia.

Nelle stanze di Castello d’Albertis si estende il Museo delle Culture del Mondo, mentre gli appassionati di cultura orientale possono spostarsi a Villetta Dinegro, dove sorge il Museo d’Arte orientale, con pitture e sculture provenienti dal Giappone e dalla Cina. Non vi aspettavate una simile ricchezza in ambito museale?

Non è mica finita: Il Museo di Storia Naturale “Giacomo Doria” custodisce rarissimi reperti scientifici, ma il compendio assoluto della storia e del passato della città e della regione si può toccare con mano al Museo dell’Archeologia ligure. Sorge a Pegli, nella splendida cornice ottocentesca del Palazzo Durazzo- Pallavicini.