Bergamo

Bergamo

Visitare Bergamo, una delle città più importanti della Lombardia

Capoluogo di provincia con oltre 118.000 residenti, Bergamo è il quarto comune della Lombardia per popolazione, la sua area urbana conta infatti oltre 480.000 residenti.

Città di storia, di cultura e di tradizione, tra i centri economici più importante del Nord Italia, Bergamo è nota anche come la Città dei Mille, riconoscimento per il gran numero di uomini che la città fornì a Garibaldi per la sua spedizione nel Regno delle Due Sicilia durante il Risorgimento e l’Unità d’Italia.

Bergamo si compone della Città Alta e della Città Bassa, il primo nucleo cittadino costituisce il centro storico, l’antico borgo con le mura di cinta definita Alta in quanto caratterizzata da un altitudine più elevata. La città bassa, nucleo urbano che sorge ad una quota più basso, pur di antica origina è quella caratterizzata da recenti interventi urbani.

Città in passato popolata da Galli e Senoni, dopo la caduta di Roma divenne Ducato dei Longobardi. Nel 1098 divenne Libero comune e dal XIII Secolo governata dai Visconti di Milano.

Bergamo

Dal 1428 la città entrò nei territori della Serenissima, i Veneziani costruirono gran parte della città Vecchia, cinta muraria e collegamenti che poi furono nuovamente rimodernati dagli austriaci che controllarono il territorio per un breve periodo prima dell’avvento del Regno d’Italia.

Cosa visitare a Bergamo

Collegata con Milano e con il resto della Lombardia e delle regioni del Nord, sede di un’importante scalo aeroportuale internazionale, Bergamo è una delle grandi città che un turista che visita l’Italia deve conoscere.

Luoghi e monumenti di interesse si trovano sia nella parte alta che nella parte bassa della città.

Meritano una visita il Palazzo della Ragione, edificio di epoca veneziana e la zona di Piazza Vecchia, la Rocca sul colle di Stant’Eufemia, del 1331 e la zona di Sant’Andrea.

Nella parte bassa, la zona residenziale della città si trovano la Torre dei caduti e la Torre del Galgario, antico torrione che delimitava l’estremità più a sud dell’antica cinta muraria della città.