Cagliari

Cagliari

Visitare Cagliari, la città capoluogo della Sardegna.

Cagliari,  capoluogo della provincia omonima e della regione Sardegna, ha una storia millenaria è il cuore di un’area metropolitana che comprende, tra gli altri, i paesi di Quartucciu, Monserrato, Assemini e Sestu.

Cagliari, capoluogo della provincia omonima e della regione Sardegna, di cui è anche il principale centro e il punto di riferimento per i trasporti. 157.000 abitanti su una superficie di 86 chilometri quadrati, per una densità abitativa pari a 1833 ab./kmq, Cagliari sorge nel bel mezzo della Sardegna meridionale ed è bagnata dal Golfo degli Angeli.

Tra le più antiche città della regione, secondo la leggenda la fondazione di Cagliari avvenne addirittura nel VI secolo a.C. e le tipiche abitazioni conosciute come “Nuraghe” testimoniano che le prime popolazioni ad abitare questa terra furono sardo-nuragiche.

Cosa visitare a Cagliari

Tra le opere architettoniche di maggiore interesse turistico per chi visita la città di Cagliari, ci sono senza ombra di dubbio quelle risalenti al periodo romano, a cominciare dall’Anfiteatro, eretto nel II secolo ma recentemente restaurato.

Una delle principali costruzioni religiose è invece la Basilica di San Saturnino, in stile romanico, è probabilmente la chiesa più antica di tutta la regione.

Tuttavia, per chi visita il centro storico di Cagliari, un punto di riferimento immancabile sono i differenti quartieri. Su tutti, il quartiere Castello, antica residenza nobiliare, mentre di appartenenza borghese sono i quartieri di Villanova, Marina e Stampace.

Nei pressi delle mura antiche della città, risalenti al XIV secolo, più di cinquecento anni più tardi venne realizzato il Bastione di Saint-Remy, che collega tra loro i bastioni di Santa Caterina, della Zecca e dello Sperone, per mettere in comunicazione lo storico quartiere di Castello con quelli sottostanti.

Come l’Anfiteatro, anche il sito su cui successivamente è stato costruito l’Orto Botanico, è di epoca romana. Oggi ospita diverse specie vegetali, ma anche pozzi e cisterne risalenti all’antichità.