Palermo

Palermo

Di motivi per visitare Palermo ce ne sono tanti: scopriramo insieme le bellezze di questa città della Sicilia.

Placidamente adagiata sulla pianura della Conca d’Oro lungo l’omonimo golfo nel Mar Tirreno, Palermo è una città dalla storia millenaria, che conserva all’interno del suo variegato tessuto urbano tracce delle dominazioni che si sono susseguite sull’isola: da quella greca alla romana, passando per gli arabi, i normanni, gli svevi e i francesi, fino agli spagnoli, che tennero la città per oltre due secoli, fino a quando passò ai Borboni, indiscussi signori della Sicilia pre-unitaria.

Palermo è una città che va assaporata poco a poco, passeggiando per il suo variegato centro storico, laddove le testimonianze del suo complesso passato si alternano l’una all’altra, come stratificazioni sedimentarie cariche di memoria storica.

Palermo

Palermo vista dal Monte San Pellegrino

Attraversando le sue strade ed i vicoli labirintici, che richiamano alla mente l’eccentrica vivacità dei suq, i caratteristici mercati arabi, è possibile osservare levarsi nella loro imponenza palazzi in stile liberty (come Palazzo Niscemi e il Villino Florio) e chiese dal gusto barocco (S. Giuseppe dei Teatini o S. Salvatore), teatri neoclassici (Teatro Massimo e Teatro Garibaldi) e cupole arabe (spesso rivisitate secondo il gusto normanno, come nella Cuba o nel Palazzo della Zisa, meravigliosamente arricchite da mosaici bizantini, per i quali si segnala eccezionalmente la chiesa della Martorana), purtroppo talvolta segnati dall’incuria e dal degrado.

Si può scegliere di visitare questa “città delle delizie” semplicemente godendo il suo naturale proporsi alla nostra vista, come una ricca matrona che mette in mostra le sue grazie superbamente adornate, o seguire un preciso itinerario alla scoperta delle vestigia delle civiltà via via susseguitesi: quella greco-romana, l’arabo-normanna, l’ispanica con i suoi trionfi barocchi e infine un percorso alla scoperta del liberty palermitano.

Ma la visita di Palermo non può dirsi completa senza una passegiata nella Vucciria, che con le sue bancarelle colorate rappresenta uno spaccato verace della cultura popolare del luogo, o nel Mercato di Ballarò, presso via Maqueda.

Senza tralasciare una visita all’indicibile Duomo di Monreale, ad appena pochi chilometri di distanza.