Visitare Firenze, la culla del Rinascimento

Firenze

Visitare Firenze è un must per tutti gli amanti dell’arte e della cultura: la culla del Rinascimento è uno delle città vanto dell’Italia nel mondo.

La culla del Rinascimento è una delle mete privilegiate del turismo italiano, capace di assicurare sempre nuove emozioni a quanti vi si recano in visita per la prima volta o a chi vi ritorna, magari dopo qualche anno passato lontano: per ottimizzare la vostra permanenza a Firenze scoprite i nostri itinerari, dedicati sia ai suoi più fedeli ammiratori sia a quanti ne scoprono ora l’ineguagliata bellezza.

Per valerci di un termine di moda, visitare Firenze è per molti aspetti “intuitivo”: l’antica capitale della Signoria Medicea (nonché, poi, del Granducato di Toscana e per cinque anni anche del neonato Regno d’Italia) è infatti ordinatamente disposta in perfetto gusto rinascimentale, distribuendo armonicamente le principali attrazioni turistiche all’interno del tessuto urbano.

Dal cuore stesso della città, la famosa Piazza della Signoria immortalata quasi quotidianamente dai media televisivi – si affaccia qui Palazzo Vecchio, un tempo residenza della famiglia medici ed oggi sede degli uffici del Comune – è molto facile raggiungere il celeberrimo Ponte Vecchio, che si leva sull’Arno con il suo inconfondibile profilo fin dal XIV secolo, dopo aver attraversato quasi indenne i bombardamenti, da cui fu stravolto lo skyline fiorentino durante la seconda guerra mondiale.

Dopo aver ammirato il suggestivo panorama che si gode dalle sue terrazze panoramiche, fiancheggiate dalle botteghe di artigianato locale (oggi più vario, ma un tempo esclusivamente legato all’oreficeria), potrete recarvi in visita al vicino Palazzo Pitti, già residenza della famiglia Medici ed oggi sede della Galleria Palatina, ricca di capolavori di Caravaggio, Rubens e Tiziano, o ritornare sui vostri passi fino alla Galleria degli Uffizi, collegata al Palazzo Pitti dal cosiddetto “corridoio vasariano”, che metteva in comunicazione la dimora privata dei Medici alla sede del potere amministrativo, Palazzo Vecchio, passando attraverso la Galleria, ora ospitante uno dei più famosi musei al mondo.

Sempre in pieno centro storico, Piazza del Duomo si offre al visitatore con le moli inconfondibili di Santa Maria del Fiore, il duomo cittadino costruito a partire dal 1296 sormontato dalla splendida cupola di Filippo Brunelleschi, il campanile su progetto di Giotto e il Battistero di San Giovanni, di cui si ammira in particolare la Porta del Paradiso, realizzata nel XV secolo da Lorenzo Ghiberti in oro.

Quanti hanno già avuto occasione di conoscere le più famose attrazioni fiorentine, potranno dedicarsi alla visita dei tanti altri siti d’interesse storico-artistico, di cui è ricca la città, come le chiese di Santa Maria Novella, di Orsanmichele e di San Miniato, il Museo del Bargello o le Gallerie dell’Accademia ove è custodito il David di Michelangelo, il Parco di Boboli o la Specola, il Museo delle Carrozze o quello del Costume.

Oppure proseguire la scoperta della genuina tradizione fiorentina, assaporando alcune specialità tipiche regionali, che conservano sapori e profumi decantati dai più celebri poeti del nostro Umanesimo.