Narni

Narni

Narni è un comune di circa 20.000 abitanti in provincia di Terni.

Nel suo territorio ricade il centro geografico della penisola italiana. Il simbolo della città è il grifone, la leggenda narra che la città, insieme a Perugia, riusci a sconfiggere un grande grifone che saccheggiava la città medievale. Dopo averlo ucciso, la città di Perugia ne conservò le ossa, da cui il simbolo del grifone bianco, mentre Narni la pelle, da cui il simbolo del grifone rosso.

I primi insediamenti in questa zona centrale dell’Italia, a metà strada tra Roma ed Assisi, risalgono al Paleolitico, nelle numerose grotte del territorio di Narni, infatti, sono stati rinvenuti diversi resti. Probabilmente il primo insediamento cittadino fu opera degli Osco-Umbri, tra i primi popoli italici a fermarsi nei dintorni di Roma nel 300 A.C. L’antica città di Nequinum fù in seguito conquistata dai romani diventando così un punto strategico lungo la via Flaminia e cambiando il nome in Narnia.

Il centro raggiunse una notevole importanza durante le guerre puniche, si pensa infatti ad un importante centro navale costruito dai romani e di cui sono state rinvenute importanti tracce archeologiche.

Cosa visitare a Narni

Come per gran parte dei centri dell’Umbria, il periodo medievale fù abbastanza tranquillo per la vicinanza dello Stato Pontificio.

In questo periodo la città di Narni è diventata un importante sede vescovile, al XVI Secolo risale infatti la Rocca di Albornoz, la Fortezza che domina il borgo e che fù nel corso degli anni dimora del Papa e di Cardinali. Tra gli altri edifici importanti della città, il Palazzo dei Priori, il Palazzo Comunale e il Ponte di Augusto.

Il Centro storico di Narni testimonia l’importanza storica del bordo, dalla Porta delle Arvolte, alla Porta Romana, al Duomo di San Giovenale, si possono percorrere le stradine del centro e rivivere le atmosfere medievali.

Numerose sono le rievocazioni storiche, tra le più importanti la Corsa dell’anello che si tiene a Maggio all’interno dei festeggiamenti del Santo Patrono, San Giovenale.