Storia del Trentino Alto Adige

La storia del Trentino Alto Adige è sicuramente legata alla geografia di questa regione, solcata da valli e da montagne che ne hanno influenzato i contatti ed i commerci con i territori circostanti.

Il Trentino Alto Adige, proprio per la sua posizione geografica, è stato da sempre un luogo di incontro tra le culture dell’area mediterranea e latina, con le culture e le tradizioni germaniche, i vari incontri tra popoli e genti diverse ne hanno caratterizzato la sua Storia.

Riprendendo per gran parte l’organizzazione e l’assetto territoriale dell’Impero romano, a partire dal Medioevo gran parte del Trentino è stato controllato dal Principato Vescovile di Trento, e poi dal Ducato Longobardo annesso poi prima al Sacro Romano Impero Germanico, all’Impero austro-ungarico e poi, dopo il primo conflitto mondiale al Regno d’Italia.

Per quanto riguarda le origini dei primi popoli che si fermarono in questa zona, le ipotesi più plausibili indicano i primi insediamenti dei Reti, antico popolo etrusco che già nel 500 A.C. Vivevano organizzati in villaggi ed erano dediti all’agricoltura e all’allevamento, attività che ben si sviluppavano nelle valli del Trentino. I Romani arrivarono nel I Secolo A.C., fondando la città di Tridentium, oggi Trento, uno dei primi municipi romani della regione sotto l’Impero di Claudio.

Per le valli del Trentino passarono poi, nel corso dei secoli, Ostrogoti, Baiuvari, Franchi e Longobardi, questi ultimi gettarono le basi per la nascita del Ducato di Trento che arrivo a controllare diversi territori sino ai confini con la Repubblica Veneziana. Parte dei territori vennero poi annessi, anche se per un breve periodo nell’Impero Carolingo. Dopo l’anno Mille il potere passo nelle mani del Principato Vescovile, dominio durato oltre 500 anni salvo una breve parentesi di dominazione veneziana tra il 1411 e il 1490.

La storia moderna del Trentino è stata caratterizzata dal Dominio degli Asburgo e dalle mire di autonomia e le volontà separatiste. Tra le vicende dei filo-italiani e dei filo-austriaci nei primi anni del ‘900 si distinsero due figure politiche, Cesare Battisti ed Alcide De Gasperi, entrambi eletti deputati tra gli austriaci di lingua italiana, con il primo conflitto mondiale i territori del Trentino entrano a far parte del Regno d’Italia.