Gaeta

Gaeta

Gaeta, in provincia di Latina, è situata sul litorale tirrenico ed è vicinissima al confine con la Campania.

Si estende su una superficie complessiva di 28 chilometri quadrati, per una densità di popolazione che misura 761 ab./kmq. A circa 80 km da Napoli e a poco più di 120 da Roma, Gaeta sorge nel bel mezzo del golfo omonimo ed è sede del Parco Regionale Riviera di Ulisse.

Cosa visitare a Gaeta

Oltre che per la bellezza del paesaggio costiero, vale la pena visitarla anche per godere dello spettacolo offerto dalle sue opere architettoniche, sia di carattere sacro che civile.

A cominciare dalla Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano, risalente ai secoli X e XI, e realizzata sullo scheletro di una chiesa pre-esistente dedicata a Santa Maria del Parco. Dopo esser stata distrutta da un incendio nel 1231, fu ricostruita all’inizio del 1903 in sette navate, e restaurata in squisito stile neoclassico dalla maestria di Pietro Paolo Ferrara.

Il Tempio di San Francesco fu eretto per volere del santo d’Assisi nel 1222, nel luogo esatto in cui si recava per evangelizzare le genti originarie di Gaeta. Tuttavia, l’aspetto neogotico attuale è frutto dell’opera di Giacomo Guarinelli e delle donazioni dei monarchi Carlo d’Angiò e Ferdinando I di Borbone.

Il novero degli edifici sacri gaetani può proseguire con la Chiesa di San Giovanni a Mare, eretta nel X secolo dal duca di Gaeta Giovanni IV: è caratterizzata da uno stile mediorientale e dal pavimento inclinato, pensato per facilitare il deflusso dell’acqua in seguito alle mareggiate.

Non meno interessanti sono le opere di architettura civile, a partire dal Castello Angioino-Aragonese, a cui ci si riferì con precisione per la prima volta negli anni 20’ del XIII secolo; si estende su una superficie complessiva di 14.100 metri quadrati e consta di due edifici comunicanti ma realizzati in epoche differenti.