La Fontana di Trevi

Fontana di Trevi

La Fontana di Trevi è la più grande fontana di Roma, simbolo della città eterna nel mondo.

Questa magnifica fontana è un opera del periodo tardo Barocco, progettata da Nicola Salvi ed inaugurata nel 1735. Anche se di costruzione recente, il suo complesso è collegato all’Acquedotto Vergine o dell’Acqua Virgo, il sesto acquedotto romano realizzato sotto l’Imperatore Augusto e ancora oggi funzionante.

La costruzione della Fontana di Trevi deve le sue origini alla visione di Papa Urbano VIII che nel 1640 ordinò allo scultore, pittore ed architetto Lorenzo Bernini, una generale riorganizzazione e trasformazione di Piazza Trevi, un nuovo complesso che doveva essere ben visibile dal Palazzo del Quirinale, all’epoca tra le residenze del Papa.

Con la morte di Papa Urbano trascorsero oltre 60 anni prima di riprendere il progetto di modifica della piazza e solo nel 1731 Papa Clemente XII riprese l’idea di Ubrano VII affidando a Nicola Salvi i lavori per la costruzione della Fontana che iniziarono l’anno successivo nel 1732.

La Fontana di Trevi ha un tempo centrale, il mare. Salvi realizzò infatti una grande piscina rettangolare con gli angoli arrotondati e un camminamento che collega la fontana da un lato all’altro.

Una scogliera rocciosa caratterizza tutta la parte inferiore del Palazzo Barberini e al centro una imponente statua di Oceno alla guida di un cocchio trainato da due cavalli con ali a loro volta guidati da due tritoni. Altra importante costruzione che caratterizza la fontana è la scogliera mossa di travertino, con animali e essenze vegetali che prendono vita dallo scorrere dell’acqua.

Completano l’opera le quattro grandi colonne corinzie con l’Abbondanza, la Fertilità, la Ricchezza dell’Autunno e l’Amenità dei Giardini. Al centro lo stemma araldico di Papa Clemente XII e la grande iscrizione commemorativa voluta del Pontefice.

Legata alla Fontana di Trevi e alla cultura popolare è la celebre scena del film La Dolce Vita con Anita Ekberg che si tuffa nella vasca della fontana ed invita Marcello Mastroianni a seguirla.

Questa fontana costituisce senz’altro una delle mete imperdibili per chi si appresta a visitare Roma.