Le Isole Tremiti

Isole Tremiti

L’Arcipelago delle Isole Tremiti si trova a circa 12 miglia dal promontorio del Gargano.

Le 6 isole che compongono l’arcipelago, non tutte abitate, compongono il comune di Isole Tremiti, nel territorio provinciale di Foggia.

Dal 1989 il comune è una riserva naturale marina protetta.

La zona è abitata da circa 500 residenti e rappresenta uno dei centri turistici più importanti e frequentati della zona.

Situate geograficamente tra il Molise e la Puglia, sin dall’epoca Romana furono un luogo di confino. L’Imperatore Augusto vi confinò sua nipote Giulia, Carlo Magno vi esiliò Paolo Diacono.

Nel periodo Medievale sulle Isole Tremiti venne edificato il primo centro religioso Benedettino, L’Abbazia di Santa Maria a Mare, complesso alle dipendenze dell’Abbazia di Montecassino.

Il periodo di massimo splendore politico ed economico si registrò nel XI Secolo periodo in cui il monastero sul mare ospitò importanti personaggi religiosi e politici. Dopo la soppressione dell’Abbazia, nel 1783 Ferdinando IV Di Napoli ricostituì sulle isole una Colonia penale.

Le operazioni di confino continuarono sino al 1911, quando circa 1300 libici furono confinati alle Tremiti e in epoca fascista furono allontanati alle Tremiti anche personaggi come Sandro Pertitni.

L’arcipelago è composto dalle isole di San Nicola, la sede del comune che ospita i principali edifici e monumenti, l’isola di San Domino, la più grande e maggiormente abitata dove si trova l’unica spiaggia sabbiosa e le principali strutture ricettive e turistiche.

La seconda isola per grandezza è Capraia, disabitata, cosi come disabitata è l’isola di Pianosa, un promontorio roccioso emerso che è distante circa 20 Km dalle altre isole.

Ci sono poi due scogli, il Cretaccio, uno scoglio argilloso che si trova tra le isole di San Domino e San Nicola e lo scoglio noto con il nome La Vecchia, vicino allo scoglio di Cretaccio.

Per le condizioni climatiche, ottimali soprattutto in estate, le isole Tremiti vivono soprattutto del turismo estivo, in autunno e inverno ci sono frequenti burrasche e mareggiate.